lunedì 28 maggio 2012

Ricetta tipica delle Marche: i biscotti del pescatore

Questa settimana sono molto curiosa di andare a vedere cosa hanno pubblicato le mie care amiche di viaggio. Insieme percorriamo virtualmente l'Italia e spesso per prime conosciamo ricette delle nostre zone, le proviamo, le testiamo, le fotografiamo e poi le proponiamo. Il nostro intento è quello di farvi assaporare gusti diversi e sopratutto nuove realtà. Il tema che abbiamo curato questa settimana è relativo ai "Dolci e piccola pasticceria" tipica regionale. Quindi se siete  curiosi, oltre al mio, questi sono i blog con le relative ricette da seguire per gustare sapori e profumi della nostra bella e gustosa Italia


LIGURIA:    i canestrelli rivisitati di Un’arbanella di Basilico
UMBRIA:  Birbanti di 2 Amiche in Cucina
MARCHE: I biscotti del pescatore di La Creatività e i suoi Colori

ABRUZZO: Bocconotto di Castel Frentano di In Cucina da Eva


I BISCOTTI DEL PESCATORE






Questi biscotti sono molto semplici, sia per la modalità di preparazione, sia per gli ingredienti e tradizionalmente venivano preparati dalle mamme e dalle mogli dei pescatori, che, per lavoro, rimanevano fuori casa diversi giorni. Infatti la caratteristica dei questi dolcetti è di mantenere inalterato la propria fragranza  per diverso tempo.

Ingredienti

gr.400 di farina 00
3 uova
gr.180 di zucchero 
gr.100 di burro ammorbidito
gr. 50 di uva sultanina ammollata
gr. 100 di frutta secca (noci, pinoli e mandorle)
1/2 bustina di lievito

In una terrina mescoliamo le uova con lo zucchero, il burro, la farina e il lievito. Otteniamo un impasto morbido ed aggiungiamo l'uvetta e la frutta secca. Facciamo delle piccole palline, leggermente schiacciate, che metteremo sulla teglia del forno imburrata. Inforniamo a 170° per 20 minuti in forno statico. Sforniamo e lasciamo raffreddare sulla grata. Buon appetito!


Oggi vi lascio con questa immagine che riporta alcuni versi affissi sulla parete di una via di Fano: una città di mare e di marinai. 

35 commenti:

  1. Quanti bei biscottini oggi! Non conoscevo questa ricetta, sicuramente molto buoni! :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Che splendida poesia.....Grazie Sabrina!!!!!!
    E complimenti per questi biscotti che già il nome me li fa adorare...amo il mare e il suo profumo ....e tu oggi tra i questi versi e la tua ricetta l'hai fatto davvero sognare
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. Che buoni questi biscottoni :) Avendoli scoperti in Toscana non immaginavo avessero origini marchigiane. In ogni caso mi piacciono proprio un sacco e mi salvo la tua ricetta. Non vedo l’ora di prepararli. Baci, buona settimana

    RispondiElimina
  4. e questi? non li conoscevo! belli e buoni! delle marche conosco solo le fave dei morti e le ossa dei morti di Ascoli Piceno...e non ho mai trovato la ricetta...ciao da In cucina da Eva!!

    RispondiElimina
  5. buoni questi biscotti...complimenti per le foto e per la poesia...

    RispondiElimina
  6. ma che carini! gli ingredienti mi piacciono tutti!!! e poi bella la presentazione....molto marinara e simpatica!!!

    RispondiElimina
  7. Ma quanto mi piacciono questi biscottini... hanno un aspetto davvero molto goloso!
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
  8. Che bella la storia di questi biscotti tradizionali e bellissima la presentazione marinaresca. Sei sempre bravissima, grazie davvero per le ricette che ci regali ad ogni appuntamento. Un bacio e buon lunedì, Babi

    RispondiElimina
  9. bellissima ricetta! ti va di partecipare a
    http://dolcizie.blogspot.it/2012/04/lalbero-goloso-una-dolce-raccolta.html
    ciao
    samaf

    RispondiElimina
  10. si trattano bene i marinai, uvetta e frutta secca.....ottimi, baci

    RispondiElimina
  11. Wowww che biscottini particolari!!bravissima cara!ottimi davvero!!

    RispondiElimina
  12. Viva i biscotti del pescatore dunque!!! sono una vera goduria! e se mantengono la fragranza per diverso tempo meglio così!
    bravissima Sabrina, una ricetta fantastica!!
    bacionii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho dei premi per te se ti va di passare!
      http://www.cucinachetipassa.info/2012/05/100000-visite-tanti-premi-ed-un-grazie.html
      ^_^
      bacioni

      Elimina
  13. che bello imparare un'altra ricetta di biscotti, mi piaciono questi tuoi che con uvetta e frutta secca danno anche energia. Una rcietta fantastic che mi invoglia a ncora di più a visitare la tua erra. un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Che bel post! Questi biscotti sono favolosi!

    RispondiElimina
  15. Che bella la piccola poesia che leggiamo..e che delizia i tuoi biscotti!!!!!Ne sono affascinata!!!!Complimenti!!!un bacione

    RispondiElimina
  16. Devono esere deliziosi! La tradizione è sinonimo di saggezza : i pescatori erano costretti a stare in mare per jmolti giorni, con dispendio di energie...ed ecco la saggezza : un biscotto semplice, economico, nutriente e con il sapore di casa!
    Bellissima la tua presentazione.

    RispondiElimina
  17. Questi biscotti sono davvero deliziosi! Bella davvero la storia legata al loro nome! Brava!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  18. Bellissima la ricetta e bellissime la foto e la poesia! Complimenti per l'idea, la ricetta e il post!!

    RispondiElimina
  19. Buoni questi biscotti e che bella la poesia!!!
    Tantissimi baci e a presto!!!!!

    RispondiElimina
  20. Sabrina...buonissimi questi biscotti con uvetta e frutta secca...e nutrienti...ecco perchè del pescatore!
    e bellissima anche la poesia dedicata al marinaio!
    bacioni

    RispondiElimina
  21. E pensare che i canestrelli di Taggia, Liguria di Ponente, sono salati: ottimi e originali, direi. Da queste parti, sempre Riviera dei Fiori, ci sono, poi, per stare al tema, tante ricette di focacce dolci.

    RispondiElimina
  22. Ciao Sabrina sai che ero curiosissima di conoscere i biscotti del pescatore, anche qui in Liguria la pesca va! Mi piace moltissimo anche la poesia che hai scritto, tutto ciò che parla di mare mi affascina. Un grande bacio a presto

    RispondiElimina
  23. E sulla scia di questa iniziativa,sono arrivata fin qui e non posso non farti i complimenti!Non solo per questa ricetta,ma per tante..inutile dirti che mi hanno colpito i muffins nei bicchierini!!Bravissima davvero e bentrovata!!

    RispondiElimina
  24. che bello conoscere queste ricette regionali...e scoprire anche vecchie tradizioni :) (io poi impazzisco per l'uvetta ^^")

    RispondiElimina
  25. Ottimi questi biscottini ... per colazione devono essere speciali... bravissima!

    RispondiElimina
  26. non li conoscevo, che buoni devono essere!

    RispondiElimina
  27. credo siano deliziosi! Complimenti. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  28. Complimenti cara Sabrina per i biscotti e anche per la poesia.
    I biscotti me li sono segnati da fare sicuramente!!!
    baci

    RispondiElimina
  29. meravigliosi e poi la poesia splendida

    RispondiElimina
  30. * Decisamente ne avrei preso anche più di uno con il caffè questa mattina... mi copio senz'altro la ricetta ed anche il link di tutto il post perché con calma passerò a curiosare anche dalle tue amiche!
    * Grazie per il commento al mio post Storia di un... materassino
    Tante gioiose giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  31. buoni, "rubo" la ricetta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  32. Dopo avere assaporato virtualmente i biscotti, una bella lettura sono quei versi semplici ma profondi e delicati.

    RispondiElimina
  33. Ciao Sabrina! Che buoni questi biscotti tipici delle Marche, la nostra bella regione! Abbiamo seguito la tua ricetta (con qualche modifica personale) e abbiamo pubblicato sul nostro blog un articolo citando te ed il tuo bellissimo e curatissimo blog! Se ti va, passaci a trovare, ci farebbe piacere. Ciao :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...